Laboratorio di scrittura riflessiva

Laboratorio di scrittura riflessiva 768 513 Anna

Perché un laboratorio di scrittura riflessiva? Scrivere a partire da sé offre la possibilità di riconoscere le proprie emozioni e accogliere quelle degli altri

Laboratorio di scrittura riflessiva

Perché un laboratorio di scrittura riflessiva? Scrivere a partire da sé offre la possibilità di riconoscere le proprie emozioni e accogliere quelle degli altri; di riflettere su ciò che sentiamo, di recuperare un filo conduttore nello scorrere della vita, di dare un nome a sentimenti ed emozioni, di vedere le cose sotto una prospettiva diversa.

Scrivere è quindi terapeutico nel senso ampio della parola. Azione che procura giovamento; non guarisce ma aiuta.

Perché un laboratorio e non un corso? Perché non è pensato per dare insegnamenti ma per sperimentare. Una “bottega artigianale” dove si crea, si costruisce e si cuciono le esperienze personali per tratteggiare un disegno collettivo di senso, trasferibile nel proprio quotidiano.

Il luogo in cui:

fermarsi e riflettere sulla propria esperienza per ricreare un paesaggio interiore di senso
mettere a fuoco quello che in certi momenti non può essere detto
trovare conferme o mettersi in discussione
sognare e ritrovare speranza
lasciare la propria impronta sul cammino della vita e recuperare autostima
mettersi in ascolto di sé e degli altri senza giudicare

Informazioni

Il facilitatore del laboratorio
Un Counsellor professionista a orientamento esistenziale frankliano. Il suo ruolo è quello di aiutare la persona a considerarsi sempre protagonista del racconto che condivide, il soggetto attivo della narrazione, e di stimolare la partecipazione di ognuno.

PERIODO
tutti i mercoledì | dal 7 giugno al 5 luglio

PRENOTAZIONI
entro il 30 maggio, compilando il form

DOVE
Sede Curiosamente APS
Lodi, viale Pavia 28

CONTRIBUTO DI PARTECIPAZIONE
libero

a favore di IBAN IT38Y 05034 20301 00000000 5398

indicando nella causale: Scrittura riflessiva, nome e cognome del partecipante (se diverso dall’ordinante)
oppure in contanti