BLOG

L'immagine di un lago in autunno racconta di quando ci sentiamo soli

Nel cuore di Dario è sempre autunno

Nel cuore di Dario è sempre autunno 738 600 Anna

Quando ho letto questo articolo di Chiara Baldini, pubblicato da Vitamine Vaganti il 23 dicembre 2023, mi sono chiesta come fosse possibile. Come è possibile pensare di abbandonare al suo destino una famiglia senza che le Istituzioni preposte se ne prendano cura. Mi si è stretto il cuore al pensiero di quest’altra mamma straziata dall’amore infinito per il figlio fragile che non sa come aiutare. Ho chiamato Chiara Baldini che conosco da anni e ho deciso di diffondere la sua denuncia. Perché sono stanca di tragedie annunciate.  Di ragazzini noti fin da piccoli ai servizi che arrivano alla soglia dei 18 anni in queste condizioni. Ma anche perché voglio così arginare il rischio di una strumentalizzazione del passaggio alla maggiore età da parte dei servizi di psichiatria adulti. Adesso sappiamo e non vogliamo fare finta di niente.               

Lettera aperta da Chiara Baldini

E a quel punto scoppia a piangere, la signora, a singhiozzi, dall’altra parte del telefono. Scusandosi, vergognandosi anche un po’, forse, per quel fiume di disperazione che non ce la fa più a rimanere confinato nelle sponde del suo cuore e che adesso pare travolgere anche me con la sua eco, al di là del lago. Lontano eppure vicinissimo. Talmente vicino che me lo sento negli occhi, sulla pelle, nella gola il suo dolore sconfinato. Sarà che siamo mamme entrambe. E siamo spaventate dal futuro. La voce al telefono ha appena finito di insultare tutto e tutti. Se l’è presa con la psichiatra, che non ne ha azzeccata una di terapia per Dario, con l’assistente sociale, che li ha abbandonati al loro destino di naufraghi in balia della tempesta. Con Dio, che le sta dando una croce troppo pesante per le sue esili spalle e infine con la scuola, che adesso glielo lascia a casa questo figlio sbagliato: da un giorno con l’altro e con provvedimento d’urgenza.

Ha ragione a disperarsi questa mamma sfinita e vorrei dirglielo. Ma io sono quella che le sta comunicando che in classe, il suo ragazzo, non ci può più venire, che ne ha infilate una dietro l’altra: così grosse che persino gli assistenti scolastici si sono dati alla latitanza.

«Ma perché?» mi chiede tra un insulto e l’altro «che cosa ha fatto di così grave, cosa è successo ancora?». Già, ancora. Perché lo sa anche lei che sono due mesi che arranchiamo nel tentativo di trovare il modo giusto per gestire Dario, in classe, per interessarlo, per farlo stare tranquillo.

Il fatto è che ogni tanto questo bel ragazzo di un metro e ottanta per novanta chili diventa insofferente. Così, improvvisamente e allora apriti cielo, non ce n’è più per nessuno/a. Spintoni, botte, lanci di oggetti, insulti, tentativi di spogliarsi. Persino le forbici, una volta, ha puntato all’assistente. E come si fa con uno così, dentro una scuola con altri/e trecento minori che dovrebbero esser lì per imparare?

Un ragazzo che passa nella stessa mattina dall’amabilità più squisita alla ferocia improvvisa è un problema enorme dentro una classe. Basta un libro lanciato addosso alla compagna sbagliata, o una leggera spinta sulle scale e ci troviamo con una minorenne in ospedale e una denuncia a carico del compagno con disabilità. Chi va tutelato/a e protetto/a? Di chi è la responsabilità se succede qualcosa di spiacevole dentro le mura scolastiche?

Alla signora, però, non dico nulla di tutto ciò. Lo sa anche meglio di me. Accolgo la sua domanda come il tentativo di trovare un senso a una tragedia che di senso non ne ha.

«Signora, suo figlio non sta bene, scarica la sua rabbia e il suo disagio su chi gli sta attorno e noi non riusciamo ad aiutarlo, non abbiamo le competenze». Che frase idiota. Stereotipata da far schifo, una bandiera bianca ormai consunta dal troppo utilizzo. La mamma l’ha già vista sventolare chissà quante altre volte in diciassette anni, infatti affonda subito il colpo.

«Nemmeno io le ho le competenze, però a me non aiuta nessuno. Sa quante botte ho preso da mio figlio? Eppure gli voglio un bene dell’anima, è l’amore della mia vita.»

Lo conosco anch’io quell’amore lì. «Capisco, ma noi qui dobbiamo pensare a tutti e a tutte, abbiamo una scuola piena di minori» mi sento dire, facendomi sempre più pena da sola. Sono settimane che ho la mail intasata dalle proteste dei genitori dei/lle compagni/e, che da due mesi non riescono a fare lezione decentemente. Ma questo alla mamma non lo dico, non ha senso darle un dolore in più.

«Adesso io come faccio? Domani ho un corso obbligatorio al lavoro, non posso stare a casa con mio figlio. Non potete tenermelo ancora un giorno? Poi trovo una soluzione» mi implora. Non posso dare neppure questa di consolazione alla signora, non è possibile. La cooperativa ha sospeso il servizio di assistenza scolastica, dopo che il quarto educatore è tornato a casa coi lividi e noi non abbiamo nessuno a disposizione. Proprio a me le fan dare queste risposte, a me che da una vita mi batto per i diritti delle donne che lavorano e per le politiche sulla conciliazione.

Ho la gola secca e il telefono che trema leggermente nella mia mano destra. Ci pensa la signora a riempire il silenzio, però. «Ci voleva anche questa di disgrazia. Abbiamo perso tutto, persino la casa e ora siamo abbandonati. Ma si rende conto di cosa succede a chi ha la sfortuna di avere un ragazzo come il mio, in questo Paese?» È il mio lavoro, le vedo da anni queste situazioni. E sì, esattamente come lei, signora, vorrei gridare allo scandalo, ma intanto non ci ascolterebbe nessuno. Lo sappiamo tutti/e benissimo che i vari governi, di destra e di sinistra, negli ultimi trent’anni almeno hanno tagliato con la delicatezza di un decespugliatore a motore sui servizi alla persona. Con la pandemia la cosa si è fatta lampante e molti nodi sono venuti al pettine. Eppure non è cambiato niente.

La sanità, per dirne una, qui tra le valli, è una cosa da vergogna. Senza prendere situazioni estreme, basti dire che a me manca il medico di base da sette mesi, perché il mio ha aperto uno studio privato e nessuno lo ha sostituito. Quelli che ci sono, di dottori, non hanno posto. In farmacia mi hanno spiegato che se mi dovessi ammalare, dovrei chiamare il numero unico e mi manderebbero da un medico a caso, giusto per farmi fare il certificato. Questa la situazione dei servizi di base.

La famiglia di Dario è andata a stare dall’altra parte del lago, in una vecchia casa in pietra di una frazione in montagna dove non c’è nulla, neppure un bar. Dopo vari episodi di danneggiamenti di beni arrecati a vicini e compaesani dal nostro alunno, l’unica soluzione possibile è rimasta il trasferimento, la vendita della villa di famiglia e il pagamento dei danni. «Ma lei ha idea di dove viviamo adesso tutti? In che condizioni siamo ridotti?».

Forse Dario ha le sue ragioni per essere così arrabbiato. Come le ha la mamma, quando mi grida le peggiori cose al telefono, o come il papà quando sceglie di stare fuori di casa dall’alba al tramonto per lavoro (sempre ammesso che sia una scelta).

Dario poi ha un fratello. Incolpevole, come tutti i componenti della famiglia. Ma anche lui sradicato dal suo paese, dalla sua quotidianità, dalle relazioni importanti per fuggire da un posto dove la disabilità di suo fratello ha fatto di un giardino un deserto. Ma come si fa a parlare di inclusione quando mancano le basi essenziali per la presa in carico e la cura adeguata delle persone con disabilità?

Abbiamo avuto Franco e Franca Basaglia, in questo Paese e ne ringrazio Dio ogni giorno, ma cosa è successo dopo di loro? Chi, tra i deputati a decidere per gli italiani e le italiane, ha avuto il coraggio di investire seriamente sulle strutture, le figure professionali, i percorsi di recupero delle persone con fragilità psichica? NESSUNO.

E di storie come quella di Dario c’è pieno il Paese (peraltro con gravissimo danno dell’incolumità collettiva, oltre che della dignità umana).

Me li prendo tutti gli insulti di questo cuore ferito che mi grida al telefono che le facciamo tutti schifo, non apro bocca. Senza offendermi né chiudermi a riccio, semplicemente provo ad accogliere. E a quel punto scoppia a piangere, la signora, dall’altra parte del lago. Viene il magone anche a me, perché mi sento impotente.

Bella questa telefonata. Due donne che ascoltano i reciproci silenzi, senza più parole né speranze da condividere. E mentre si avvicina il Natale, mentre le vetrine cominciano a riempirsi di gnomi e folletti sorridenti, qui c’è una famiglia la cui misera capanna, abbarbicata sui monti, affaccia su un lago di disperazione. Nell’incanto apparente dei nostri boschi dalle tinte fiabesche, ogni giorno cadono migliaia di foglie e di speranze, nel silenzio più assordante.  

L'immagine rappresenta i partecipanti alla X edizione di Caleidoscopio Fest

Caleidoscopio Fest 2023 ringrazia

Caleidoscopio Fest 2023 ringrazia 2560 1920 Anna

Caleidoscopio fest 2023 è giunto al termine e ringrazia

Caleidoscopio Fest 2023 cala il sipario sulla decima edizione promossa da Curiosamente APS e lo fa attraverso dieci grazie.

Grazie innanzi tutto a chi fin dall’inizio ha deciso di accompagnarci in questa avventura e a chi si è aggiunto cammin facendo. Cinque realtà del territorio lodigiano,  attente, in modi diversi, ai temi della cura di chi è fragile: Famiglia Nuova, Centro Noesi, Cioccolato180, Genitori tosti in tutti i posti, Le stanze di Igor.

Grazie alle Istituzioni che hanno rinnovato il loro riconoscimento attraverso il patrocinio alla manifestazione, per alcune a titolo oneroso. Tra le prime,  il Comune di Lodi, l’Azienda socio-sanitaria territoriale  di Lodi e il Centro Servizi Volontariato Lombardia sud. Tra le seconde, Fondazione Cariplo, Provincia di Lodi, Fondazione Maria Cosway e Comune di Caselle Landi.

Grazie all’amico Sandro Zurla, per la generosità con cui ha risposto alla nostra richiesta di aiuto last  minute, e per la registrazione e montaggio dello spettacolo teatrale Il corpo funambolo.  

Grazie a chi ha condiviso con noi l’impegno messo nella ricerca dell’equilibrio ma anche la voglia di continuare a “mettercela tutta”:

  • la cantante e cantautrice Virginia Veronesi per le emozioni fortissime che ci ha regalato in due diverse occasioni. La prima volta, come ha detto l’amico Bruno Marchini, grazie anche ad alcune complicità.  <<La luna quasi piena che si è alzata all’inizio del concerto, l’eccellente e calda ospitalità che Carla e tutta la Comunità La collina ci hanno riservato accogliendoci, la preziosità delle parole musicate da Virginia>>. La seconda, nella splendida cornice della sala della musica messa a nostra disposizione da Fondazione  Maria Cosway.
  • i ragazzi dell’Istituto Einaudi per il loro coraggio di mettersi in gioco davanti a un pubblico di un centinaio di adolescenti di altre scuole e dei loro insegnanti. Per la forza di raccontare a noi adulti, che crediamo di conoscerli, cosa vuol dire per loro essere adolescenti, perché è così importante “poter cadere” e voler stare fuori dagli schemi. Nella speranza che chi ancora non lo ha fatto, accolga la richiesta di Giada: vedere tutti e tre gli spettacoli de Il corpo funambolo e serbare dentro di sé l’emozione di cui sono carichi.
  • i maestri di Gheta aikidō dojo.  Grazie per aver accompagnato l’esperienza pratica dell’equilibrio come risultato ineludibile di uno squilibrio e dell’armonia come unica via di composizione di questi due estremi. Significative in merito le riflessioni di due partecipanti: <<fermarsi non è una perdita di tempo, ma un’occasione per riflettere su ciò che si sta facendo>>; <<decidere di cadere può essere la migliore delle strategie se l’alternativa è rompersi le ossa>>

Un ringraziamento non meno importante alle persone che abbiamo invitato a portare il loro contributo di pensiero ed esperienza su temi  fondamentali per la conquista di un equilibrio, seppur precario:

  • Marco Rovelli: il suo libro Soffro dunque siamo spiega il legame tra il modello di società individualista basato sull’imperativo della prestazione e della competizione e la crescita del disagio psichico
  • l’educatore socio-sanitario e scrittore Marco Mancini e il gruppo “Di Voce in Voce” formato da Enrica Gioia e Sabrina Aresu. La declamazione dei “dialoghi silenziosi” del libro  Fragili paesaggi ha regalato l’intensità e l’emozione di una professione vissuta senza cessare di interrogarsi 
  • gli specialisti Jannaccone Pazzi, Federico Buffagni, Antonella Metto e Despina Esposito, moderati da Giovanni Foresti all’evento del 12 Ottobre “Corpo, persona e sessualità”.  Molti gli stimoli di riflessione. Sui tabù che ancora avvolgono il tema della sessualità nei contesti di cura. L’importanza del rispetto del limite e di una forte maturità emotiva  per poter “toccare” aspetti intimi senza venire risucchiati nella dinamica affettiva operatore-utente. Sul tipo di educazione sessuale e all’affettività ricevuta, come riflessione preliminare alla decisione di essere di supporto agli utenti. Sulla sessualità come canale di espressione di un bisogno o di affermazione di un’esigenza. Sulla figura dell’operatore come strumento per il benessere dell’utente.

Sullo sfondo sono rimaste questioni altrettanto importanti e ancora da discutere. La relazione affettiva come “contenitore naturale” della sessualità; il genere come possibilità e non solo come destino; la difficoltà di realizzare, nei luoghi di cura, il quadro inibitorio (fatto di desiderio e trasgressione, segretezza e sacralità) di cui la sessualità ha bisogno per crescere ed esplicitarsi; l’intimità come fonte possibile di angosce profonde ed esperienza di rottura dei confini entro cui si  gioca la relazione; la consapevolezza del “fare per sottrazione” da parte di chi ha il compito di riabilitare (un fare perché lo faccia l’altro, non per farlo lui); il rischio di considerare l’equilibrio un obiettivo e non uno stato di personale soddisfazione e benessere.

Il 2024 sarà il centenario della nascita di Franco Basaglia. Ci piacerebbe fosse occasione per riprendere la riflessione da queste ultime questioni, magari allargandola ad altre condizioni di equilibrio precario e oggi testimonianza di nuove fragilità.

A presto.

Anna Garbelli                                

Il pubblico della Comunità La collina alla festa fuori programma della X edizione di Caleidoscopio Fest

Virginia Veronesi e il suo Gusci

Virginia Veronesi e il suo Gusci 2560 1920 Anna

Caleidoscopio fest 2023 – fuori programma

Ieri sera festa privata organizzata da Famiglia Nuova. Il luogo, la comunità La collina. Un posto magico in cui la musica e i testi delle canzoni presentate da Virginia Veronesi in duo con Max Elli hanno permesso agli ospiti della  di condividere il senso del festival.

Sentirsi guardati e parte di una comunità. Unita nella magia delle parole cantate da Virginia Veronesi e dalla delicatezza e spontaneità del suo offrirsi al pubblico. Emozionata e toccata nel vivo dalla semplicità di quelle che Virginia Veronesi chiama “storie ordinarie” perché parlano della quotidiana difficoltà del vivere in pienezza.

Noi a nostra volta loro ospiti al ricco buffet che ha fatto da cornice al concerto. Con l’idea di mischiare il nostro cibo ad alcune specialità tunisine e, con l’occasione, provare a “restare” e vivere quel momento fino in fondo… Seguendo l’indicazione della canzone “Il coraggio di restare” che avevamo appena ascoltato.

Tutto questo sotto l’occhio benevolo di una luna bellissima che ha cominciato a levarsi all’inizio del concerto e ha raggiunto il culmine nel pieno della festa.

Grazie a Carla Spiaggi, Responsabile della Comunità La Collina che ha voluto riempire e restituire bellezza ai suoi ospiti e ha permesso a tutti noi di goderne insieme a loro.

Grazie a Carla Spiaggi, Responsabile della Comunità La Collina che ha voluto riempire e restituire bellezza ai “suoi ragazzi” e ha permesso a tutti noi di goderne insieme a loro.

Un’esperienza unica e indimenticabile.